FIDPI su...

FIDPI

FIDPI Support Chat

Cerca nel sito

 

Traduci

Italian English French German Portuguese Russian Spanish
Effetti delle onde elettromagnetiche sul corpo umano PDF Stampa E-mail

Articolo di: orsinibruno (username)
Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini   
Mercoledì 13 Febbraio 2013 15:57

Il rapido e diffuso aumento delle tecnologie di comunicazione che utilizzano l’energia elettrica ha notevolmente modificato l’ambiente elettromagnetico che ci circonda, oltre al costante aumento dell’uso di corrente elettrica vi è un sempre maggiore uso di sorgenti e dispositivi che emettono radiofrequenze e microonde.

Ciò comporta una crescente diffusione dell’esposizione e giustifica la necessità di valutare effetti diversi da quelli termici, la cui prevenzione è alla base dei limiti di esposizione attualmente in vigore. Negli ultimi anni sono stati effettuati numerosi studi scientifici sull’eventuale pericolosità delle onde elettromagnetiche per il corpo umano, alcuni hanno ribadito la presenza di notevoli effetti nocivi (tumori, perdita di memoria, cambiamenti nel comportamento e nello sviluppo dei bambini, riduzione della fertilità) altri hanno ribadito l’assoluta assenza di pericoli per il corpo umano. A tale proposito occorre precisare che a seguito di numerose ricerche scientifiche e studi di laboratorio su animali, le onde elettromagnetiche producono i seguenti effetti biologici:

da 25 a 30 MHz (CB, Taxi, ecc.) penetrano in tutti i tessuti del corpo umano, nelle ossa e in particolare nel cervello, nel midollo spinale e nel cristallino dell’occhio;

da 87 a 108 MHz (radiodiffusione FM) penetrano fino a 4 cm di profondità nel cervello, nel midollo spinale e nel cristallino;

da 174 a 230 MHz (banda televisiva VHF) producono effetti soprattutto in bambini in crescita;

da 470 a 860 MHz (banda televisiva IV/V UHF e telefonia mobile) penetrano nel cervello fino a 2 cm e hanno una potenza energetica dieci volte superiore a quella delle onde FM;

da 2,4 a 2,5 GHz (radar, satelliti, forni a microonde) penetrano nel cervello fino a 1 cm e sono dannose per gli occhi, il sangue e i microrganismi;

da 10 a 100 GHz (radar militari, forni industriali) penetrano nel cervello per alcuni millimetri, danneggiano il sangue e i microrganismi, possiedono una potenza energetica circa diecimila volte superiore rispetto a quella delle onde di 10 MHz.

I campi elettromagnetici sono formati da onde elettriche e onde magnetiche che viaggiano insieme, esse si propagano alla velocità della luce e sono caratterizzate dalla lunghezza d’onda, dalla frequenza e da una determinata quantità di energia. Questi parametri sono legati tra loro e ognuno influenza l’effetto che il campo può avere su un sistema biologico, in prossimità di una sorgente (antenne, apparati industriali, elettrodomestici) e fino alla distanza di circa un decimo della lunghezza d’onda, il campo elettrico ed il campo magnetico sono del tutto indipendenti uno dall’altro, a distanze superiori, la struttura dei campi inizia a risentire del fenomeno della radiazione cioè della mutua generazione tra campo elettrico e campo magnetico. Un’onda elettromagnetica trasporta energia “densità di potenza” (energia trasportata per unità di tempo e di superficie espressa in watt al metro quadrato W/m²) e risulta proporzionale al prodotto delle intensità del campo elettrico e del campo magnetico.

La frequenza è il parametro principale che influenza la modalità di interazione del campo elettromagnetico con un sistema biologico e quindi ne condiziona gli effetti al punto che, un campo elettromagnetico a parità di intensità può essere pressoché insignificante o assai pericoloso a seconda della sua frequenza. In conseguenza di quanto esposto lo spettro elettromagnetico viene suddiviso in due tipologie principali:

  • radiazioni ionizzanti “IR Ionizating Radiation” di frequenza superiore a 3x1015 Hz (raggi x, raggi γ) che possono rompere, anche con piccole potenze, i legami chimici delle molecole del corpo umano causando seri danni al sistema biologico determinando patologie anche molto gravi come tumori della pelle o leucemia;
  • radiazioni non ionizzanti “NIR Non Ionizating Radiation” di frequenza inferiore a 3x1015 Hz (ELF frequenze estremamente basse 1÷300 Hz, IF frequenze intermedie 300Hz÷10 MHz, RF radiofrequenze 10 MHz÷1 GHz, MW microonde 1÷300 GHz) che anche in presenza di elevate intensità di campo non sono in grado di rompere i legami chimici delle molecole del corpo umano, il principale effetto che riescono a produrre sulle molecole è quello di farle oscillare producendo attrito e di conseguenza calore, un esempio è la cottura dei cibi con il forno a microonde.

Le onde elettromagnetiche oltre ad essere prodotte ed utilizzate per la trasmissione a distanza di suoni, immagini e dati, sono presenti anche nelle nostre case, ad esempio camminando sulla moquette a causa dell’attrito si può produrre un forte campo elettrico, il tubo catodico del televisore emette elettroni che oltre a colpire lo schermo si propagano anche all’interno dell’ambiente, i motori di frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici e condizionatori irradiano una considerevole energia elettromagnetica nell’ambiente, i materiali sintetici si possono caricare elettrostaticamente per strofinio (collant, continui cambiamenti di vestiario, ecc.). Il più evidente degli effetti biologici dei campi elettromagnetici è il surriscaldamento dei tessuti corporei, effetto notoriamente sfruttato dai forni a microonde e che è anche facilmente riscontrabile dopo una lunga conversazione usando il telefono cellulare. C’è inoltre da osservare che gli effetti di tale fenomeno definito “elettrosmog” risulta di difficile individuazione a causa del fatto che risulta essere una forma anomala di inquinamento in quanto non da luogo a processi di accumulo nell’ambiente, ma gli agenti inquinanti sono presenti solo fino a che le sorgenti che li hanno prodotti rimangono in uso.

Per quanto riguarda la vita quotidiana, le radiazioni interessate sono quelle non ionizzanti (apparati elettrici domestici, telefonia mobile, trasmissioni radiotelevisive e dati, computer, ecc.) che producono un surriscaldamento delle parti esposte alle radiazioni, la pericolosità di questo fenomeno sta nel fatto che questo riscaldamento avviene internamente al corpo per cui non è adeguatamente percepito dagli organi sensoriali, in questo modo l’organismo non è in grado di attivare i necessari meccanismi di compensazione e gli organi con scarsa circolazione sanguigna, che favorisce la dispersione del calore prodotto, risultano i più colpiti (ad esempio le cornee e i testicoli). La profondità di penetrazione dei campi a radio frequenza nei tessuti del corpo umano risulta inversamente proporzionale alla frequenza cioè aumenta con il diminuire della frequenza. Per misurare l’energia radiante assorbita dal corpo umano nell’unità di tempo si utilizza il tasso di assorbimento specifico SAR Specific Absorption Rate, misurato in W/kg cioè Watt per kilogrammo di peso corporeo, il tasso di assorbimento specifico è influenzato da molte variabili sia fisiche (frequenza, polarizzazione, modulazione) che biologiche (proprietà biologiche del corpo, dimensioni, orientamento rispetto alle linee di forza) e si modifica in funzione delle diverse caratteristiche del corpo umano quali vestiti, spessore della cute e sottocute, peluria, età e sesso. Da studi effettuati con frequenze da 1MHz a 10GHz occorre un SAR di almeno 4 W/kg per produrre effetti nocivi per la salute in persone esposte a questi campi (ustioni della pelle, disturbi oculari, ecc.), quantità di energie simili si possono riscontrare solo nelle immediate vicinanze (alcune decine di metri) di potenti impianti trasmittenti generalmente installati sulle cime di montagne o su alti tralicci, adeguatamente protetti dall’avvicinamento di persone estranee. Secondo alcuni studi di laboratorio è stata riscontrata anche una notevole riduzione di melatonina in soggetti esposti in modo prolungato a radiazioni non ionizzanti, questo ormone che regola l’umore e il sistema riproduttivo viene prodotto soprattutto durante la notte dalla ghiandola pineale situata nella parte posteriore del cervello.

In conclusione si può affermare che le onde elettromagnetiche sono in grado di produrre effetti biologici (cioè quando l’esposizione alle onde elettromagnetiche provoca qualche variazione fisiologica rilevabile in un sistema biologico) che in alcuni casi possono portare ad effetti di danno alla salute (cioè quando l’effetto biologico è al di fuori dell’intervallo in cui l’organismo può normalmente compensarlo causando un deterioramento della salute), per cui nella normale attività quotidiana è buona norma rispettare le seguenti regole:

  1. non conservare il telefono cellulare acceso in prossimità del cuore, evitare lunghi e frequenti colloqui e usare il più possibile auricolari a filo, non dormire con il telefono cellulare acceso vicino al letto;
  2. non dormire con coperte elettriche in funzione, evitare il riscaldamento elettrico a pavimento durante la notte, evitare di sostare a lungo in prossimità di elettrodomestici ad alto assorbimento, assicurarsi di spegnere il forno a microonde prima di aprirlo, non disporre letti o divani in pareti divisorie dove sono posti elettrodomestici;
  3. evitare l’uso prolungato di apparecchi elettrici da parte dei bambini, tenere gli apparecchi di telecontrollo dei bambini e soprattutto dei neonati ad almeno 70/80 cm. di distanza, non tenere i bambini troppo vicini al televisore durante la visione dei programmi.

 

Collegati o registrati per inviare un commento. Ricorda che per accedere occorrono le stesse user e pw del forum!

 

 
Inserisci le stesse user e pw del forum

Non riesci più ad entrare con il tuo account? Leggi qui!

In evidenza...

Attivazione registrazioni

Facciamo seguito alle mail di utenti neoregistrati per tranquillazzarli che il ritardo, talvolta anche superiore alle 72 h per l'attivazione del loro account non pregiudicarà in alcun modo la loro registrazione. In queste ultime settimane abbiamo ricevuto diversi attacchi sul server da parte di robots che hanno intasato e appesantito notevolmente le operazioni. Ci scusiamo per il disagio e preghiamo tutti di non duplicare assolutamente le registrazioni già effettuate. Chi avesse perduto la password può facilmente recuperarla con la procedura disponibile nell'apposita sezione. Buon lavoro.

Problemi browser

Recentemente più di qualcuno lamenta problemi riscontrati durante il normale accesso alle applicazioni del portale.

Si evidenzia come la maggior parte delle segnalazioni sono riconducibili all’installazione (o aggiornamento) delle più recenti versioni del browser Chrome comunemente utilizzato per la navigazione Internet, anche da smartphone.

Importante! Ripristino sistema

Innanzitutto chiediamo scusa a coloro che hanno creato inutilmente nuovi account, ma vi assicuriamo che non abbiamo colpa, nonostante gli sforzi, economici e personali, che quotidianamente impegnamo per mantenere al sicuro i nostri dati.

Un attacco al sistema, il secondo in meno di un mese, ci ha causato un bel pò di problemi che siamo a riusciti a risolvere con la dolorosa perdita di qualche articolo e ben 320 registrazioni che si sono avute nell'arco temporale dalle ore 13,00 del 20 settembre 2014 sino ad oggi, 18 ottobre 2014, alle 16,15.

Vi risparmiamo le considerazioni riguardanti cause, mandanti ed effetti. Sono state consegnate alle autorità competenti.

Possiamo solo dirvi che chi, di venerdì 17, ha tentato per l'ennesima volta di metterci il bavaglio, ha raccolto solo la grande ennesima delusione, dato che la sorprendente solidarietà dei nostri utenti (sono oltre 2500, contati anche quelli di cui si è perduta la recente registrazione) ci dà l'energia che serve.

L'intenzione andata a male di questi delinquenti, si è rivelata solo in un breve disagio per i nostri utenti, per lo più giovani professionisti, studenti, praticanti che cercano consigli, notizie, e pareri sulla professione del perito industriale, ma non solo.

Anche per questo, a tali "menti eccelse" e ai loro mandanti possiamo solo dire una parola: vergogna!

Possono, quindi, riprendere le nuove registrazioni e, ribadiamo, devono essere ripetute tutte le registrazioni effettuate nell'arco temporale dalle ore 13,00 del 20 settembre sino ad oggi, 18 ottobre, alle 16,15.

Segue l'elenco di alcuni account che sono stati eliminati dal server, per cui deve essere ripetuta la registrazione anche con i medesimi dati.

Altri account non presenti nell'elenco, sono stati contattati via mail.

App Android periti-industriali.com

Dopo FIDPImobile, seguito di ulteriori richieste pervenuteci, accontentiamo i nostri utenti con una app android per smartphone e tabet del nostro sito compatibile con la gran parte dei dispositivi in uso.

Per installarla, occorre attivare il lettore di QR code e leggere il quadrato contenente il codice nel riquadro accanto.

In caso di problemi, provare a scaricare da qui.

Inoltre, data la gratuità della app, questo sito, il suo editore, il comitato di redazione e ogni altra figura direttamente o indirettamente riconducibile, non si assumono alcuna responsabilità per qualsiasi conseguenza dannosa derivante dalla sua installazione che avviene tramite portale non riconosciuto dalla maggior parte dei webstore, nè per i contenuti pubblicitari in essa integrati.

Buon lavoro.

Insulti dai social network

Attenzione. Insultare su un social network può costare molto caro.

E pure uno sfogo pubblicato su una pagina facebook, magari lanciato in un momento di rabbia, può ritorcersi contro l'utente infuriato.

Perché diffondere accuse attraverso Facebook equivale a commettere il reato di diffamazione aggravata.

Aggiornamento vademecum

Ricordiamo che è attiva questa nuova sezione riservata del sito (appare nel menù utente solo dopo il login), di grande utilità per coloro che, loro malgrado, si trovano ad avere a che fare con il mondo, spesso perverso, della vita professionale quotidiana.

A cura del per. ind. Giuliano Quaglia.

In lista vi è:

Supporto live chat

Dopo la FIDPIChat che permette ai nostri utenti di colloquiare tra loro, abbiamo attivato il supporto live chat. Il servizio, erogato da alcuni membri volontari del gruppo di coordinamento FIDPI, risponde a domande relative alla normativa professionale. Non è una consulenza legale e non costituisce posizione ufficiale di categoria, in quanto - si rammenta- questa comunità virtuale (FIDPI) è totalmente estranea a collegi, sindacati, federazioni, enti e istituzioni.

Quando "online" (banner azzurro), prima di contattarla, si invita a consultare preventivamente le FAQ e cliccare sul logo che potete trovare nella colonna a sinistra solo se non si è già trovata risposta esauriente ai propri interrogativi. Data l'esclusiva gratuità e volontarietà del servizio, questo non ha orari precisi e si raccomanda di affidarsi esclusivamente al logo verde "online" (come quello in figura) per accertarne il funzionamento attivo.

A tutela reciproca, verranno registrate le conversazioni chat identificabili dal numero IP.

Chi non è d'accordo ad assoggettarsi a tale condizione di sicurezza è invitato ad astenersi dall'uso dell'applicazione.

Torna la FIDPIChat

Dopo lunghi mesi di assenza, torna online la FIDPIChat a disposizione di tutti gli utenti registrati.

Rinnovata nel look e nelle funzionalità,  è semplice da usare ed è ora dotata di tre stanze:

  • FIDPI
  • Professionisti
  • Praticanti

E' possibile anche chiedere ad altri utenti una conversazione privata.

Raccomandiamo un uso corretto e sensato dello strumento. Eventuali abusi verranno perseguiti.

Buon lavoro

attivazione FIDPI MOBILE

A seguito di numerose richieste, accontentiamo i nostri utenti con una versione MOBILE del nostro sito compatibile con la gran parte degli smartphone in uso.

Infatti, molti frequentatori delle nostre pagine, lamentavano una lentezza notevole di navigazione dal proprio cellulare. Da Oggi, chi si collegherà al sito con uno di questi dispositivi non dovrà fare nulla oltre a navigare con tranquillità e velocità.

Infine, ricordiamo che per le attivazioni dei nuovi account bisogna pazientare anche 48 ore dato che siamo costretti a centellinare una ad una le registrazioni per la presenza abissale di spammers.

Inoltre, è d'uopo ricordare che chi tenta di registrarsi con cosiddette "mail temporanee" viene espulso senza preavviso dai nostri archivi.

Buona navigazione

Sezione annunci

Talvolta riceviamo da sedicenti imprese private, richieste di nominativi di giovani e meno giovani professionisti a cui offrire una possibilità di impiego dipendente o libero professionale.

Ripristino sistema

Chiediamo scusa a coloro che, per molte ore, hanno tentato inutilmente di creare nuovi account. L'enorme afflusso al sistema ha scatenato un problema sul server che è stato finalmente risolto non senza difficoltà.

Possono, quindi, riprendere le nuove registrazioni.


Grazie per l'affetto che quotidianamente ci manifestate con le vostre mail di sostegno.

Cercansi collaborazioni attive

Lo abbiamo chiesto tante volte, ma con scarsi risultati. Tentar non nuoce e, pertanto, ci riproviamo. Invitiamo non soltanto i periti industriali professionisti, ma anche e soprattutto i docenti nominati commissari, o semplicemente coloro che direttamente o indirettamente sono interessati agli esami di abilitazione all'esercizio della libera professione di perito industriale.

Occorrono dei temi svolti. Ce li richiedono (in tanti) di ogni specializzazione. Non solo: ci richiedono temi svolti anche della prima prova di carattere generale.

Pubblicheremo quanto ci invierete all'indiirizzo info(at)fidpi.it il tutto con o senza menzione dell'autore, a sua esplicita scelta.

Piuttosto che dormire sugli allori, un gesto solidale e disinteressato può aiutare a farci sentire meglio...

In bocca al lupo a chi è impegnato per i prossimi esami di abilitazione.

Problemi server

In alcuni orari potrebbero esserci rallentamenti o problemi nel caricamento delle nostre pagine interne con l'apparizione di un "Errore 500 server interno". Per ovviare occorre fare il refresh (ricarica) della pagina. I tecnici del nostro server stanno conducendo una serie di test per mettere in campo una soluzione rapida e definitiva. Ci aspettiamo risolti tutti i problemi sui vari nodi entro la settimana prossima. Abbiate pazienza...

Vademecum

A causa delle numerose richieste via mail di vario genere, è attiva questa nuova sezione riservata del sito (appare nel menù utente solo dopo il login), di grande utilità per coloro che, loro malgrado, si trovano ad avere a che fare con il mondo, spesso perverso, della vita professionale quotidiana. Sarà il per. ind. Giuliano Quaglia il curatore della stessa e ci auguriamo che gli spunti di collaborazione possano giungere da tutti. Tutti gli articoli verranno vagliati dal nostro consulente legale e tributario e poi pubblicati.

L'aiuto che ci prefiggiamo di dare con questa sezione, è quello di indirizzare in particolare i giovani colleghi verso le soluzioni ritenute migliori per le loro questioni professionali.

I primi articoli, toccanti per tutti, sono:

Reagire alla crisi...

Il vento della crisi sta spazzando via, in lenta successione, anche i residui di una richiesta professionale cui i periti industriali erano finora fortemente quotati ed utilizzati da enti pubblici e privati. A soffrire atrocemente, di questi tempi, pare essere più la pubblica amministrazione (per la nota carenza di trasferimenti), che la clientela privata, sia essa grande che PMI.

Per quanto siano già molte le agevolazioni fiscali per i giovani professionisti, abbiamo pensato di mettere soprattutto a loro disposizione, ma non solo, uno spazio annunci per gli scambi di materiali, ma anche di servizi professionali. Perchè? Perchè sappiamo bene che, ad esempio, non è sempre facile per un giovane rispondere ad una richiesta di prestazione mai svolta prima, ma anche perchè non è sempre alla sua portata doverla svolgere senza l'impiego di strumentazione e/o software specifici che hanno un costo elevato e il cui acquisto, data anche la poca ripetibilità della richiesta, è sicuramente controindicato, almeno in questo particolare momento. Spesso, quindi, i giovani (e non solo) si vedono costretti a declinare l'incarico o a rivolgersi a collaboratori esterni con notevole dispendio di tempo e denaro.

Con questo spazio annunci, quindi, ci rivolgiamo ai professionisti con esperienza per proporsi alla collaborazione con altri professionisti nel nostro ambiente, specificando il proprio campo di attività, la zona di operatività e il possesso legale di strumentazione e/o software specifici. Va sottintesa la disponibilità alla collaborazione con costi contenuti che andranno regolarmente fatturati e preventivamente concordati tra le parti.

Crediamo che in questo modo e con questo servizio, se utilizzato massicciamente, si possano aprire dei possibili spiragli di opportunità per tutti nel modo migliore e nel rispetto di chiunque. Buon lavoro.

Ultime dal forum...

Inserisci gratis un annuncio >>
Vendesi, offresi, cercasi... Solo per gli utenti registrati! 7 ads.

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network. Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per ulteriori informazioni sui nostri cookies e come li puoi eliminare, clicca qui privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information